Il mondo del futuro: lavoro in quanto realizzazione di sé.

Da ormai molto tempo ho chiara in testa la mia visione di un mondo utopico ma attualizzabile.
Un solo governo mondiale pagherebbe a tutti la stessa somma per la prestazione offerta di lavoro in quanto servizio per se stessi, piuttosto che per lo Stato mondiale, per cui medici e spazzini opererebbero nell’ottica di pari responsabilità e pari trattamenti economici. L’uomo guarirebbe da molti mali.
Nell’ottica di un mondo così regolamentato, ognuno avrebbe più tempo per sé, e meno da dedicare alle opinioni pubbliche e private. I banchieri percepirebbero lo stesso stipendio di un calzolaio, sicché il lavoro verrebbe inteso come crescita personale più che economica o sociale. Per fare un esempio: il lavoro di un dottore resterebbe sì un lavoro a servizio del prossimo ma senza un fine economico o elogiativo, in quando lo stipendio resterebbe invariato e lo scopo puro di medico verrebbe mantenuto.
L’incremento delle arti liberali favorirebbe, poi, un benessere psichico imparagonabile. Privi di pregiudizi, si crescerebbe nella scoperta totale del mondo e dell’uomo stesso.
Questa è solo parte del mio privato progetto di mondo futuro.

Annunci

Write:

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...