Raccolta 1

VITA, MORTE E MIRACOLI DI UN VALORE

Il valore, vocabolo generalista che in base al contesto per cui opera assume particolari significati, finirà per essere rappresentato dall’originario e antropologico autore di noi stessi: la vita. Per arrivare a questa meravigliosa essenza però, il mio percorso sarà inverso e funzionale ad alcune logiche già insite nella società, le cose. Le cose sono gli oggetti: possono chiamarsi libro, tavolo, pantaloni, cioccolata, sciarpa, automobile, chiavi di casa e in tanti altri modi, purché esistano per mano dell’uomo.
Ci tengo a porre questa distinzione perché è da qui che ne deriva quella assoluta: se le cose dispongono di un valore attribuitogli dall’uomo in quanto suo creatore, l’uomo – a sua volta – assume il valore che gli viene dato dal suo Creatore; noi creati e creatori. Un’asserzione teologica molto forte che ci fa subito credere al valore, prima che delle cose, di noi stessi.

Annunci